giovedì 30 aprile 2015

I manoscritti non bruciano

Vietato parlare con gli sconosciuti (Dima - Wikipedia)
Alcune parole devono essere scritte nonostante i divieti, per compiere il destino dei personaggi ma, soprattutto, per disegnare il destino dell'autore.

Rogo 1937

Quando Ivan Nicolaevič varcò la soglia della pagina, Margherita era di spalle, accovacciata davanti alla cassettiera aperta. Al rumore dei passi, trasalì e si voltò, spingendo il cassetto con un gomito. Poi, lentamente, si sollevò.
«Che fai qui?»
«È l’unico posto dove ero sicuro di trovarti da sola, senza quel gattaccio nei paraggi.»
«Non saresti dovuto venire. Se Michail si accorgesse…»
«Michail è in pericolo!» Ivan le si avvicinò. Lei attendeva costernata, i suoi occhi carichi di domande lo fissavano sotto le ciglia folte e nere.
«Noi siamo in pericolo. Ho paura che ci restino pochi momenti da passare insieme, prima che questo manoscritto finisca tra le fiamme e le nostre esistenze diventino cenere vuota.»
«I manoscritti non bruciano!»
«Bruciano, Margot! Hai già dimenticato il rogo di pochi anni fa? Lo scricchiolio delle pagine nere che collassavano, accartocciandosi su di noi? L’odore soffocante della stufa e il tuo bell’abito straziato dall’attizzatoio?»
«Smettila! Certo che non l’ho dimenticato. Ma come vedi, siamo di nuovo qui. Michail non ha mai smesso di pensare a noi.»
«Prima era tutto diverso. Che ne sai tu? Sei sempre rimasta chiusa qui, tra i tuoi incantesimi in queste pagine ingiallite. Io non ho avuto balocchi, solo miserie. E allora mi sono affacciato, volevo vedere quanto la mia vita fosse simile a quella di Michail.

Il resto del racconto, ispirato al capolavoro di Bulgakov, potete trovarlo sul blog di È scrivere.
Buona lettura!

mercoledì 1 aprile 2015

Quattro haiku primaverili

Quattro piccoli componimenti che ho scritto per celebrare l'arrivo della primavera.

     Gocce smeraldo
     al tuffo della rana
     Ninfee smosse.

Sulla magnolia          
calici di porpora       
sbocciano ebbri.        
     
     Glicini viola
     baciano la persiana.
     Luce nascosta.

Piene di gioia          
le primule nel vaso     
son silenziose.*        
        

 * pubblicato sul numero 3 della rivista online È magazine, scaricabile gratuitamente seguendo questo link.